Dasir Blog

Ultimi articoli

Bug dei microprocessori

Meltdown e Spectre sono vulnerabilità hardware scoperte dai ricercatori di Project Zero di Google, rese pubbliche il 3 gennaio 2018 tramite rumors diffusi su social, web e programmi tv. Google spiega che malintenzionati possono sfruttare la "speculative execution". Questa consiste nell'esecuzione di frammenti di codice il cui risultato è utile solo quando l'esecuzione anticipata delle istruzioni utilizza meno spazio e meno tempo in fase di lettura della memoria di sistema. Tale procedura è utilizzata in maniera malevola per leggere dati sensibili nella memoria di sistema, come password, chiavi crittografiche o eventuali informazioni sensibili nei software “aperti”. Tali vulnerabilità interessano molte CPU e inoltre coinvolgono i dispositivi e i sistemi operativi da esse eseguiti. A seguito di alcuni aggiornamenti e di alcuni studi effettuati nell’ultimo periodo, le case produttrici stanno correndo ai ripari. Ad esempio, AMD afferma che i propri processori sono risultati vulnerabili a Spectre ma non a Meltdown. Le GPU Nvidia, invece, non sono colpite da Meltdown e Spectre ma comunque Nvidia ha aggiornato i propri driver per mitigare l'impatto dell'attacco Spectre. Apple ha confermato che le vulnerabilità interessano tutti i dispositivi presenti sul mercato che eseguono iOS e macOS ma sta rilasciando continui aggiornamenti per arginare il problema. Per verificare se il proprio sistema è colpito da tale bug si può seguire questa semplice guida: Aprire una finestra di PowerShell con i permessi di amministratore (tasto destro, Esegui come amministratore)  (clicca immagine per ingrandire) Digitare il comando "Install-Module SpeculationControl". Quando richiesto, confermare (digitando S e premendo Invio) l'utilizzo del provider NuGet e in un secondo momento dell'archivio non attendibile.  (clicca immagine per ingrandire) Digitare il comando "Get-ExecutionPolicy" per verificare se si hanno i permessi di esecuzione degli script esterni. Nel caso in cui non si abbiano i permessi, digitare "Set-ExecutionPolicy RemoteSigned"  (clicca immagine per ingrandire) Successivamente, si può avviare lo script vero e proprio, tramite i comandi "Import-Module SpeculationControl" e in seguito "Get-SpeculationControlSettings"  (clicca immagine per ingrandire) La voce "Windows OS support for branch target injection mitigation"  con valore True indica che si sono installate le patch Microsoft. Il valore False indica invece l'assenza dell'aggiornamento. "Hardware support for branch target injection mitigation" suggerisce l’installazione dell'aggiornamento del firmware (UEFI/BIOS) per proteggersi da Spectre. Per una protezione completa, quindi, basterà far riferimento al sito ufficiale del produttore del PC, dispositivo o scheda madre cercando un aggiornamento del BIOS che nel proprio "changelog" presenti un riferimento all'introduzione del "microcode Intel aggiornato a gennaio 2018". In alternativa è possibile affidarsi ad un’azienda informatica che sia in grado di garantire la protezione dell’integrità fisica (hardware) e logico-funzionale (software) dei sistemi coinvolti.

Voucher digitalizzazione per PMI

Il 30 Gennaio è quasi alle porte, data in cui sarà possibile inoltrare le domande online per richiedere l’assegnazione del voucher digitalizzazione, messo a disposizione dal MISE. Valido contributo per le PMI che vogliono intraprendere la strada della digitalizzazione. Cos’è il voucher digitalizzazione e soprattutto cosa finanzia? Il voucher digitalizzazione permette alle imprese di recuperare a fondo perduto fino a 10.000 euro di spese. Rientrano tra queste, gli interventi effettuati per lo sviluppo di  software su misura per il cliente e su qualsiasi piattaforma tecnologica, siti web, App (ios/android), e-commerce, gestionali, CRM, loghi, grafica, web marketing, business plan, consulenza software e assistenza hardware e attività di formazione mirata al miglioramento delle competenze delle risorse umane. L’obiettivo è coprire gli interventi di digitalizzazione dei processi aziendali e/o rinnovare la tecnologia utilizzata in azienda. Per ulteriori approfondimenti si può consultare il sito del MISE, cliccando sul seguente link:  http://www.sviluppoeconomico.gov.it/index.php/it/incentivi/impresa/voucher-digitalizzazione Anche Dasir Tech si pone l'obiettivo di aiutare le imprese che vogliono intraprendere un processo di digitalizzazione, garantendo assistenza ed ausilio con le sue competenze e il suo know how di qualità. La Dasir Tech S.r.l, software house con sede a Casoria, crede fortemente nel cambiamento e nel rinnovo costante della tecnologia in azienda. Sarà un partner di eccellenza per le imprese che la sceglieranno in questo percorso di digitalizzazione. Tutti coloro che intendono servirsi del supporto della Dasir Tech possono contattarci al seguente indirizzo mail: flavio.genovese@dasir.it

Dasir Tech tra i protagonisti dello Smau Napoli 2017

Come promesso, vi aggiorniamo sull’esito della tappa napoletana dello Smau 2017. La mostra d'oltremare di Napoli ha dato spazio alla due giorni dedicata all'innovazione nell'ecosistema dell’Information & Communications Technology, in cui diverse aziende e start up hanno avuto la possibilità di mostrare al pubblico l'orgoglio tecnologico campano.  Lo Smau si conferma ancora una volta la piattaforma privilegiata che favorisce l’interazione tra i principali protagonisti dell’innovazione nel nostro Paese. Diverse le iniziative in tal senso: dagli speed pitching di 90 secondi, attraverso cui le imprese hanno presentano l'offerta di innovazione nel proprio settore, alla condivisione delle best practices di aziende ed enti locali all’interno degli Smau Live Show, fino ai workshop di circa 50 min in cui sono stati approfonditi importanti temi per gli addetti ai lavori. Come preannunciato nel precedente articolo, anche Dasir Tech è stata tra i protagonisti dello Smau Napoli 2017. Nel suo spazio espositivo, ha accolto la curiosità di diversi visitatori e, grazie ai due momenti di pitch tenuti dal CEO Salvatore Rullo, sono stati presentati i vari reparti dell'azienda e il suo prodotto di punta Speffy. A parlare di noi anche Repubblica, nella sessione speciale ICT con una pagina dedicata. Questi risultati ci restituiscono il giusto feedback che ci motiva e ci premia, del costante e appassionato lavoro che dedichiamo giorno dopo giorno alla nostra azienda.

XI Edizione del Premio Best Practices, Speffy vince il Premio Web…

Si è conclusa ieri, presso la Stazione marittima di Salerno, l’XI Edizione del Premio Best Practices per l’Innovazione, evento che ha visto nella due giorni dedicata all’innovazione, una competition tra 82 progetti di cui 47 proposti da start up e 35 da imprese. I partecipanti hanno avuto la possibilità di presentare le proprie case history ad imprenditori, influenzatori, investitori e, soprattutto, ad un comitato Tecnico Scientifico, che ha premiato i migliori 3 progetti. La Dasir Tech si è presentata con Speffy, il suo progetto di punta, dimostrando di essere il portale dedicato al mondo dello sport, che più ha incuriosito il web. Speffy si aggiudica così il Premio Web per le imprese. È stata un’esperienza molto stimolante e coinvolgente, grazie alla quale abbiamo avuto la possibilità di fare networking e presentare, con grande convinzione e passione, il motore di ricerca dello sport ad una platea di rilievo. Anche Il Mattino, La Città di Salerno, Panorama, Economy e Le Cronache, ci menzionano nell'articolo dedicato all'evento, rendendoci ancora più fieri ed orgogliosi di questa inaspettata vittoria che, ci ripaga per l’impegno e il lavoro costante che il nostro team sta quotidianamente dedicando a Speffy. Un'ulteriore conferma del percorso intrapreso.

Smau Napoli…stiamo arrivando!

Dasir Tech si conferma al centro dell’innovazione. La nostra azienda, per il terzo anno consecutivo, parteciperà allo SMAU, uno dei più grandi eventi nazionali del settore ICT, in programma a Napoli, presso la Mostra d’Oltremare, il 14 e 15 Dicembre. Da oltre 50 anni Smau rappresenta un valido sostegno per le imprese e i professionisti italiani che intendono fare dell’innovazione il proprio carattere distintivo. In una grande piattaforma di business matching si ritroveranno imprenditori, manager, aziende e pubbliche amministrazioni per confrontarsi sulle grandi opportunità offerte dall’universo ICT. Dasir Tech sarà presente alla due giorni con una postazione dedicata, insieme al suo progetto di punta Speffy, risultato della competenza tecnologica del team di lavoro. Smau Napoli sarà un’ulteriore occasione per presentare con forte motivazione e passione l'offerta tecnologica dell'azienda attraverso speed pitch, interviste e conferenze. Per accedere allo SMAU e conoscere da vicino il nostro team ed il nostro progetto, è possibile scaricare il proprio invito digitale cliccando su questo link: http://www.smau.it/invite/na17/dasir2/ Vi aspettiamo al padiglione 6 postazione B 06. Se siete curiosi di sapere com’è andata ... seguiteci sul blog nei prossimi giorni!

L'internazionalizzazione come sfida per le PMI

Export a misura di artigianato, questo l'evento organizzato il 22 Novembre da Confartigianato Napoli per trattare le tematiche dell'internazionalizzazione. Nel corso del dibattito sono emersi importanti spunti di riflessione da parte di relatori di spicco nel settore quali: Girolamo Pettrone, Commissario Straordinario della Camera di commercio di Napoli; Enrico Inferrera Presidente di Confindustria Napoli, Angela Fragnelli esperta in finanza agevolata e Donato Montanino, Export Manager di Domo Export Consulting. Durante il convegno sono stati riportati alcuni importanti dati, come quelli del Ministero dello Sviluppo Economico e dell'Istat che evidenziano come il 75% dell'export Italiano sia detenuto da sole 5 regioni tra cui Piemonte, Lombardia, Veneto, Emilia Romagna e Toscana, segnalando quanto la Campania e l’intero Sud siano ancora in forte ritardo. A sostegno dell'Export italiano, si collocano iniziative come il voucher per l'Internazionalizzazione, contributo a fondo perduto destinato alle Micro, Piccole e Medie Imprese che vogliono sviluppare le vendite all'estero. Il dibattito continua con le testimoniane di alcune Best Practices partnenopee quali: Install di Gennaro Illiano e That's Amore di Corrado Sorge. In chiusura l'intervento di Salvatore Rullo della nostra Dasir Tech che, da manager di HP a CEO di una PMI, ha illustrato la sua visione di internazionalizzazione: "Implementare nella mia azienda i processi di internazionalizzazione che ho appreso in HP è per me e per il mio team, una sfida manageriale, un'opportunità che riserva enormi potenzialità...è necessaria però, una conoscenza specifica del mercato... amo rischiare ma in maniera controllata…urge un cambio di paradigma. Alla visione del singolo bisogna sostituire quella di squadra, cominciare a ragionare come una rete e non più in un'ottica individuale". È questa la vera sfida che le PMI e in particolare quelle della Campania, devono accettare per superare in primis il gap con le altre regioni d'Italia e in seguito con gli altri Paesi. Si comprende, dunque, come l’apertura internazionale venga considerata la chiave di volta della crescita economica per l’Italia.

A Disruptive Way of Work

Lo Smart Working day tour fa tappa a Napoli. L'8 Novembre Inside Factory, Be Happy Remotely e Seedble hanno organizzato l’evento dedicato ad un modello lavorativo proficuo, flessibile e redditizio, che si contraddistingue come rottura rispetto a quelli solitamente adottati nelle aziende. Che cos'è lo smart working? È una grande opportunità per le aziende e i lavoratori. Per metterlo in atto è indispensabile un cambiamento nel modo di pensare e di vivere le professionalità, è fondamentale una visione smart che parta dal manager e si diffonda come valore condiviso in tutta l'azienda. All'organigramma gerarchico e verticale va sostituito quello della contaminazione delle conoscenze. L'obiettivo è ripensare al modo di lavorare, ragionando per risultati e non più considerando solo la variabile tempo. Quali i benefici e le debolezze? Aumento della produttività, miglioramento della qualità del lavoro, collaboration, worklife balance, questi sono i benefici segnalati da imprese e P.A. che operano in questa direzione. Soddisfazione, mobilità nei luoghi di lavoro, flessibilità e adeguata padronanza di soft skills contraddistinguono lo Smart Worker di successo. Non mancano però le debolezze, riassumibili nella scarsa digitalizzazione delle aziende, nella preoccupazione di elevati investimenti, nel poco interesse e coinvolgimento del management. I protagonisti Questi sono solo alcuni tra gli spunti di riflessione emersi nel corso dell’evento, che ha visto, tra le altre, la partecipazione di Luisa Errichiello e Tommasina Pianese, ricercatrici dell’IRISS CNR, Antonio Savarese di Enel Italia e Vincenzo Esposito di Assintel, l’associazione nazionale imprese ICT. Particolarmente rilevante l' intervento di Enrico Martines HR Manager Italy Social Innovation di HP Enterprise: "Quello che viene definito lavoro agile, è stato già da tempo implementato attraverso le operazioni di welfare che portavano sui luoghi di lavoro il sostegno alle famiglie. Ne sono stati un esempio Bill Hewlett Packard in HP negli anni '40, quanto le esperienze fatte da Adriano Olivetti in Italia nel periodo del boom economico" Martines testimonia come una grande multinazionale quale HPE stia implementando con successo le politiche dello smart working. DasirTech, applicando tale approccio, sia a livello organizzativo che nella realizzazione del suo prodotto di successo, Speffy, ha preso parte all'evento, sposando appieno la filosofia del lavoro agile. Lo smart working come sfida futuribile: è questa la nuova frontiera del lavoro condiviso.  

Il trasferimento tecnologico come vettore di innovazione

Ieri 6 Novembre,  si è tenuto il convegno  sull’ ITT- Innovation Technology Transfer- presso l’Unione degli Industriali di Napoli.  Uno start che ha permesso ai partecipanti di discutere su tematiche attuali quali impresa 4.0, trasferimento di tecnologia dalle Università alle aziende, finanziamenti a favore dell'Imprenditoria giovanile e Start up innovative. Professori universitari, giovani imprenditori e rappresentanti di istituti di credito, hanno illustrato i progetti che intendono realizzare grazie ad azioni concrete che comportano  il “trasferimento tecnologico”. Un processo  fondamentale  per creare l’ infrastruttura che può garantire gli strumenti per fronteggiare la necessità d’innovazione imposta dal mercato globale . A chiusura del convegno è intervenuta  l’assessore  con delega alle Start up della Regione Campania, Valeria Fascione, che ha illustrato i risultati raggiunti attraverso i vari bandi regionali a favore delle imprese locali.  Confermando il suo impegno costante  in materia di finanza agevolata,  ha anticipato quali saranno le prossime azioni a favore delle Start up innovative. Dunque, il  trasferimento tecnologico  risulta essere, ad oggi,  la risposta più efficace al bisogno crescente d’innovazione.

Dasir Tech con “Speffy” al Mediterranean Workshop

Il 23 e il 24 Ottobre, presso il centro congressi San Marcellino e Festo a Napoli, si è dato il via alla  due giorni dedicata al “Mediterranean Workshop”. Manifestazione di interesse internazionale promossa da Svimez in collaborazione con la Regione Campania, supportata da cinque Università parthenopee, reti e associazioni di atenei del bacino del Mediterraneo. Il Mediterranean Workshop 2017 mira a implementare nuove idee e progetti per favorire la circolazione delle conoscenze sui paesi che si affacciano sul Mediterraneo e a dar voce ad iniziative sviluppate in aree di assoluto rilievo per la politica di coesione delle Regioni del Mezzogiorno. In particolare i temi trattati nel corso del workshop hanno riguardato il trasferimento di conoscenza e tecnologia, la gestione e fruibilità dei beni culturali, le strategie di sviluppo sostenibile, la logistica e la strategia del mare e la creazione di nuova imprenditorialità innovativa. In merito a  quest’ultima tematica, Il Mediterranean Workshop ha dato spazio alle proposte di alcune aziende campane, che hanno rappresentato i loro progetti innovativi in  una poster session specificamente dedicata, in cui si è favorita l’interazione e il collegamento con potenziali partner ed investitori. Dasir Tech , con il progetto “Speffy”,  è stata tra i  soggetti selezionati dal Mediterranean Workshop 2017, suscitando forte interesse da parte della platea presente all’evento. Per maggiori info sull'evento, visita il sito  http://www.jeangilder.it/mw17/poster-session/

Visualizzo 46-54 di 184 elementi.