Tag Blog

dark web

Deep Web: l'universo inesplorato della rete

Deep Web: l'universo inesplorato della rete

Cos’è il Deep Web? Perché questo argomento continua ad essere poco conosciuto? Possiamo definirlo come l'insieme dei siti web non indicizzati, composto da pagine web a contenuto dinamico, web software e siti privati aziendali. Questo strumento è nato intorno agli anni ’90 per permettere alle forze militari lo scambio di informazioni segrete non rintracciabili, poi si è inevitabilmente evoluto fino a diventare l’enorme calderone dei nostri giorni. Il Web comprende circa 600 miliardi di documenti ma i classici motori di ricerca ne indicizzano solo 2 miliardi, meno dell'1%. Una mole di materiale inimmaginabile. Esso è un vero e proprio mercato nero che si basa sulla moneta virtuale ovvero il Bitcoin: una valuta acquistabile esclusivamente su Internet, non gestita dalle banche, le cui transazioni sono criptate e anonime al 100%. Come funziona? Tutti i siti che fanno parte dell’internet sommerso hanno il dominio “.onion” e per accedere ad essi sono necessari software speciali che impediscono l’identificazione degli utenti online, nascondendo l’indirizzo IP reale e sfruttando la crittografia. I dati passano direttamente attraverso i server, che agiscono da router, costruendo un circuito virtuale crittografato a strati. Cosa si trova? Una volta entrati nel Deep Web, si naviga tra i vari siti che permettono di fornire informazioni importanti nel perfetto anonimato, come l’accesso a documenti governativi riservati o materiale per fini illeciti. Altri invece consentono a gruppi di dissidenti in paesi retti da regimi autoritari di comunicare tra loro. Anche Edward Snowden e gli attivisti delle primavere arabe, hanno usato questo strumento per sfuggire a censura e controlli. Esattamente come nella vita reale, possiamo trovare cose buone e cose cattive. Dunque il suo utilizzo è consigliato esclusivamente a coloro che sanno ben gestire il binomio tra curiosità e cautela.

Visualizzo 1-1 di 1 elemento.