Post blog

Software

Perchè realizzare un E-commerce con Magento??

Perchè realizzare un E-commerce con Magento??

  Quando si decide di aprire un negozio, molte sono le spese a cui si deve andare incontro. Basti pensare all’acquisto o affitto del locale, ai costi di ristrutturazione, ai permessi, alla merce e a tanto altro. Il discorso invece cambia quando si parla di E-commerce: un negozio a tutti gli effetti senza vincoli di spazio o tempo. Tuttavia un E-commerce non è un sito come un altro, ma uno strumento che deve essere pensato in maniera ben strutturata e tale da poter far emergere quanto prima un beneficio da parte degli acquirenti. Attraverso Magento è possibile realizzare E-commerce, anche di grandi dimensioni. A differenza di molte altre piattaforme infatti si possono gestire un gran numero di prodotti. C’è anche la possibilità di realizzare cataloghi online di grandi dimensioni. Magento infatti è uno dei CMS più utilizzati per la vendita online, perché in grado di garantire alte prestazioni, grazie alle sue numerose funzionalità. È una piattaforma scalabile, che permette d’installare dei “plugins” o comunemente chiamati “moduli”, che aggiungono delle nuove features alla piattaforma. Questi rendono il prodotto software, adattabile alle esigenze di ogni tipo di cliente. Un altro punto di forza di Magento, è sicuramente il fatto di essere totalmente compatibile con E-Bay, poiché di proprietà della stessa. In DasirTech, sono stati implementati due moduli Magento:

Oltre allo sviluppo di moduli Magento, sono stati realizzati anche dei prodotti software completi, su misura per il cliente, in particolare:  Insomma Magento è una piattaforma veramente poliedrica, in grado di fornire i migliori servizi per realizzare un E-commerce.

Pubblicato il 18 mag 2018

Potrebbero interessarti

KILOCORE, CPU CON 1000 CORE INDIPENDENTI

KiloCore è il primo processore al mondo con 1000 core indipendenti, in grado di eseguire oltre 115 miliardi di operazioni al secondo con un consumo inferiore ad 1 Watt. Questo processore, messo a punto dall’Università della California , in collaborazione con IBM, è stato presentato all’ultimo Simposio Tecnologia e Circuiti VLSI, che si è tenuto alle Hawaii. I ricercatori della Università della California hanno recentemente presentato KiloCore, una CPU con 1000 core programmabili in modo indipendente, con un’elevata efficienza energetica. Chip con più di un processore sono da anni una realtà, tanto che dentro la gran parte dei nostri computer si possono trovare anche 12 processori che lavorano in maniera sincronizzata. Il nuovo chip, non ha solo un numero record di chip ma rappresenta una possibile rivoluzione nel loro funzionamento, e riesce a far lavorare i suoi processori in modo indipendente l'uno dall'altro, qualcosa di simile a una 'rete' di computer separati. Gli scopi per i quali viene utilizzato sono sempre gli stessi degli attuali multicore ma offrendo performance migliori: elaborare video, cifrare e decifrare dati e in ambiti scientifici dove applicazioni a elevato multithreading sono in grado di trarre vantaggio della presenza di più core. Per sfruttare il processore è ad ogni modo necessario software scritto ad hoc, in grado di trarre vantaggio dalla parallelizzazione. Quando deve eseguire un compito, KiloCore 'scompone' il tutto affidando singole parti di applicazioni ai vari processori che una volta completato il lavoro condividono i dati per ricostruire il risultato finale. Quando non sono necessari i singoli processori si disattivano permettendo così un enorme risparmio energetico, garantendo un'efficienza 100 volte migliore di quella di un tradizionale processore multiplo. La frequenza massima è pari a 1,78 GHz e ogni core può trasferire dati da se stesso ad un altro, senza alcuna memoria condivisa. Di fatto, i 1000 core sono possono eseguire 115 miliardi di operazioni al secondo, consumando solamente 0,7 Watt Avendo una 'logica' differente dai chip tradizionali, i ricercatori hanno dovuto sviluppare un ventaglio di applicazioni ad hoc, tra cui software per l'elaborazione delle immagini, dei video e strumenti per sviluppatori che potranno lavorare alla creazione di nuove applicazioni. KiloCore è stato sviluppato per sostituire i microchip attuali ma i costi e i tempi per una sua futura commercializzazione non sono stati definiti e di certo serviranno ancora alcuni anni prima che arrivi sul mercato.

Magento 2 - usare Transaction per salvare oggetti

  Magento 2 è la nuova versione della piattaforma E-commerce che offre nuove e interessanti funzionalità. Tra queste Transaction per salvare oggetti. Una funzionalità poco conosciuta, che risulta però molto utile se si desidera garantire uno stato coerente nel database. Con una singola transazione è possibile combinare molti oggetti da salvare . In tal caso sono possibili due esiti: Transazione riuscita garantisce che tutte le operazioni SQL all'interno della transazione siano eseguite senza problemi. Quindi i dati sono validi e vengono salvati in db. Errore di transazione qualcosa è accaduto durante l'esecuzione della transazione. I sistemi di transazione forniscono una funzione chiamata rollback in cui i dati vengono ripristinati all’istante prima dell’inizio della transazione. Magento 2 in alcuni casi  non sembra garantire un comportamento corretto nelle operazioni verso il db. Un esempio è il mal funzionamento con "rollback della transazione asimmetrica", ossia il salvataggio di default di tutte le informazione riguardati più tabelle. Tale malfunzionamento può essere risolto usando alternativamente: TransactionFactory Custom SQL statement transaction TransactionFactory Il seguente codice mostra come utilizzare TransactionFactory in Magento 2: class MyClass { protected $saveTransaction; public function __construct \Magento\Framework\DB\TransactionFactory $transactionFactory ){ $this->saveTransaction = $transactionFactory->create(); } public function saveManyObjects() { ... $this->saveTransaction->addObject($order); $this->saveTransaction->addObject($customer); $this->saveTransaction->addObject($customObject); $this->saveTransaction->save(); } } Se si esegue il metodo saveManyObjects() di questa classe, tutti gli oggetti specificati vengono salvati contemporaneamente. Per una transazione è necessario iniettare la classe \ Magento \ Framework \ DB \ TransactionFactory, che offre tutte le funzionalità necessarie. È possibile aggiungere oggetti da salvare con il metodo addObject(). Si possono aggiungere oggetti quali: ordini, clienti, prodotti o persino oggetti personalizzati. Tramite il metodo save() viene eseguito automaticamente un commit o una rollback in base all’esito dell’operazione garantendo uno stato coerente dei dati. Custom SQL statement transactions Se si vuole usare istruzioni SQL custom utilizzando le transazioni è possibile riferirsi al seguente codice di esempio: $connection = $this->getConnection(); $connection->beginTransaction(); try { ... $connection->commit(); } catch (\Exception $e) { $connection->rollBack(); throw $e; } È possibile chiamare il metodo beginTransaction() per inizializzare una transazione sull'oggetto “connection” dell'utente. In seguito si possono creare le istruzioni di inserimento o aggiornamento. Con commit() vengono rese persistenti le operazioni sul database. Se qualcosa non è andato a buon fine, il costrutto try catch chiamerà una transaction rollBack per ripristinare uno stato coerente del database e genererà un errore. In conclusione Magento 2 offre tutto il necessario per utilizzare le transazioni. Una transazione è uno strumento utile per rendere sicure le modifiche al database, impedendo di corrompere un database se qualcosa non ha avuto esito positivo.

ARC, LA PENNA VIBRANTE CHE AIUTA I MALATI DI PARKINSON A SCRIVERE

La micrografia è una delle tante conseguenze negative legate al morbo di Parkinson: chi è affetto dalla malattia tende infatti, con il passare del tempo, a scrivere lettere e parole in modo sempre più piccolo, fino a trasformare intere frasi in tratti talvolta incomprensibili. Una soluzione al problema potrebbe essere rappresentata dal progetto portato avanti da un team di studenti del Royal College of Art e dell’Imperial College di Londra.   Il dispositivo in questione si chiama ARC ed è una speciale penna equipaggiata con motori che, vibrando, stimolano in modo mirato alcuni muscoli, così da migliorare il controllo del movimento da parte del paziente.   Le sue dimensioni generose, inoltre, rendono più semplice l’impugnatura da parte di chi ha difficoltà a coordinare in modo preciso la posizione delle dita. Ciò che rende ancor più interessante il progetto è la sua origine: il gruppo di studenti ha iniziato a svilupparlo non con la finalità di consentire ai malati di Parkinson una scrittura più agevole, ma con l’obiettivo di far testare a chiunque che tipo di disagio comporta essere affetti dalla patologia.   L’approccio utilizzato per ARC potrebbe in futuro essere applicato anche ad altri oggetti di utilizzo quotidiano, come pennelli per il trucco o mouse per il computer. L’obiettivo di queste soluzioni è quello di semplificare la vita di coloro che soffrono di questa problematica, in attesa che la ricerca in merito alle sindromi neurodegenerative compia un significativo passo in avanti.