Isomorphic rendering e le tecnologie client side

Isomorphic rendering e le tecnologie client side

Al giorno d’oggi esistono numerose tecnologie per la produzione di contenuti web che si differenziano in base a diversi fattori quali: semplicità di sviluppo, interattività con l’utente, potenza di calcolo, etc. Le tecnologie si differenziano in server side, se eseguite dal server, o client side se eseguite da un client, ad esempio il browser. Il vantaggio nell’utilizzo di tecnologie server side consiste nella semplicità di sviluppo e nella robustezza, le interazioni con il browser sono ridotte e di conseguenza anche la possibilità di errori si riduce. Le tecnologie client side, a differenza delle precedenti, richiedono una maggiore interazione tra server e client, oltre ad una forte interazione tra client e utente. Le tecnologie client side si sono sempre più diffuse e tra i framework più interessanti abbiamo: ReactJS, Angular, Vue.js. Tutte le tecnologie descritte offrono un’elevata reattività, tempi di caricamento ridotti per i contenuti, un ridotto carico sul server ed un’esperienza utente paragonabile ad un'app nativa sui sistemi mobile. Un’azienda che punti su tali tecnologie per fornire tutti i vantaggi descritti deve necessariamente risolvere le problematiche introdotte da tale approccio, grazie ad un forte know-how relativo alle tecnologie usate, una forte sensibilità sulle tematiche della sicurezza e di indicizzazione di web application. Una soluzione a quest'ultima problematica è rappresentata dall’isomorphic rendering, tecnica che consiste nell’eseguire un prerendering della pagina lato server prelevando ed inserendo le informazioni necessarie prima della fase dell’invio della web application. L’isomorphic rendering, tuttavia, apre una serie di nuove problematiche relative in particolare alla velocità di caricamento della web app sul client alla prima esecuzione a causa di un notevole aumento della quantità di informazioni prelevate dal server. Un’azienda che punta su tali tecnologie deve pertanto condurre una continua fase di ricerca e implementazione di nuovi strumenti in grado di mitigare le problematiche introdotte da questa tecnica. Tutto ciò affinchè si possa realizzare un prodotto avente una ottima user experience, un carico computazionale distribuito fra i client e tempi di caricamento accettabili.

Pubblicato il 14 set 2018

Potrebbero interessarti

Il Sistema Operativo a 64-bit per RaspberryPi 3

RaspberryPi 3 Modello B è la prima versione con architettura a 64 bit del più popolare “mini-computer”, ma nonostante l’upgrade del processore, che è diventato un ARMv8 nella versione Pi 3, non esiste una distribuzione ufficiale di un sistema operativo a 64-bit. I motivi sono legati al fatto che l’azienda fondatrice del “lampone embedded” si è concentrata sul rendere il suo sistema operativo, Raspbian, che è una distribuzione Debian, compatibile per tutte le generazioni di Pi. Il sistema operativo SUSE, che è una distribuzione di Linux, supporta le più svariate architetture e con la sempre più forte presenza di processori ARM all’interno dei data center, l’azienda tedesca (che ha iniziato stampando manuali UNIX e offrendo assistenza tecnica circa 3 decenni addietro) si è concentrata sulla possibilità di operare su questi tipi di calcolatori in modo da poter aggiungere ulteriori piattaforme al calderone di quelle supportate. In occasione dell’evento SUSECon 2016, SUSE ha annunciato il supporto di SLES (SUSE Linux Enterprise Server) per RaspberryPi 3. In realtà esiste anche una release di openSUSE, la versione open di SUSE, che è in grado di girare sul dispositivo embedded. Pertanto i possessori di una boardPi 3 possono sfruttare le funzionalità del proprio dispositivo grazie all’unico sistema operativo a 64 bit compatibile ad oggi disponibile. I vantaggi vengono tradotti in termini di performance di computazione e anche circa la compatibilità di programmi le cui release a 32 bit sono di fatti in via di estinzione. Come spiega EbenUpton, fondatore di Raspberry, si tratta del primo rilascio ufficiale per l’architettura a 64-bit da parte di un importante fornitore e soprattutto SLES prevede il supporto per il protocollo wireless e bluetooth (BLE), che sono delle novità presenti proprio a partire dalla versione Pi 3. SLES è disponibile con una versione evalution con un limite di durata pari a 60 giorni, ma la patch per Raspberry, prevede un abbonamento gratuito di un anno con possibilità di scaricare gli aggiornamenti. In alternativa, si può tenere in considerazione il prodotto free di SUSE, openSUSE, la quale ha reso disponibile due immagini per Raspberry Pi3, ormai ben note alla community di SUSE, Leap e Tumbleweed. Di fatti SLES è l’unica distribuzione enterprise, che sicuramente porta notevoli vantaggi rispetto alle versioni open o community, quali ad esempio aggiornamenti tempestivi e sicuri, longevità, supporto per 10 anni, certificazioni di sicurezza. Sarà interessante capire se sarà mai rilasciato il sistema Raspbian a 64-bit oppure se SUSE possa diventare il prossimo sistama operativo ufficiale di Raspberry.

“NATIK”: IL PROGETTO DI RICERCA NATO PER DETERMINARE LA FATTIBILITÀ DI DATA CENTER SOTTOMARINI.

Redmond, casa Microsoft, siamo nei primi mesi del 2013. Ad alcuni dipendenti del settore Ricerca & Sviluppo del colosso dei servers, viene in mente l’idea di realizzare dei data center sottomarini. Potrebbe sembrare una pazzia o uno scherzo…invece nel 2014 parte lo sviluppo del primo prototipo di “Natik” e ad Agosto del 2015 il primo test. I data center del futuro potrebbero vivere sott’acqua non solo perché è l’habitat ideale per questo tipo di tecnologia ma anche perché ci sarebbe il vantaggio di rendere le infrastrutture più vicine in termine geografici agli utilizzatori finali. Oggi siamo abituati ad utilizzare svariati tipi di componenti elettronici e sappiamo bene che quando sono sotto stress e li mettiamo a lavorare intensamente, smartphones, notebook e dispositivi vari iniziano ad aumentare la loro temperatura. Ora pensate ai data center in cui ci sono migliaia di dispositivi che vanno a pieno regime, è ovvio che questi hanno bisogno di un sistema di raffreddamento che abbassi la temperatura ambientale ed è proprio questo il problema principale di un data center. Posizionando i data center in fondo al mare si può dire addio all’aria condizionata e con delle turbine che sfruttano i movimenti dell’acqua si può realizzare il raffreddamento con energia pulita, rinnovabile a costo zero! Il colosso di Redmond oggi gestisce un parco data center che va oltre le cento unità e ha spende in manutenzione ogni anno circa 15 miliardi di dollari per un sistema globale che offre oltre tantissimi servizi online in tutto il mondo. In questo modo si può abbassare il primario costo di un data center. Natik è una capsula d’acciaio di circa due metri e mezzo di diametro che è stata immersa a largo della costa Californiana, funzionando per oltre 100 giorni, sorprendendo gli stessi ingegneri che l’avevano progettata. L’utilizzo di data center subacquei avrebbe anche benefici logistici, oltre che quelli relativi alla temperatura. La maggior parte della popolazione, infatti, vive generalmente lontana dai server, che sono localizzati in zone poco popolate e quindi a bassa densità. Posizionare i data center nell’oceano e quindi più vicino ai centri abitati, aumenterebbe la velocità di trasferimento dei dati e anche della navigazione in rete degli utenti (oltre che dalla propria connessione dipende anche dal tempo di risposta del server). Anche le tempistiche sulla realizzazione e la posa in opera di un nuovo impianto sarebbero di gran lunga più vantaggiosi, infatti per costruire una capsula marina, servirebbero circa 90 giorni, contro i due anni necessari per la realizzazione di un data center “classico”. Non mancano all'orizzonte molti ostacoli che i ricercatori di Microsoft tenteranno di superare. Uno tra tutti la difficoltà di manutenzione da parte di operatori umani: per questo motivo le capsule dovrebbero essere in grado di rimanere al 100% operative senza manutenzione diretta per almeno 5 anni. Non mancano interrogativi sull'impatto ambientale che un'operazione del genere potrebbe comportare, soprattutto riguardo il riscaldamento dell'ambiente marino. Secondo i primi test condotti da Microsoft, le capsule genererebbero solo un "quantitativo estremamente piccolo" di calore, poiché l'energia che utilizzano è quella delle correnti marine e non ci sarebbe dispersione di calore, a parte quella legata alla conversione dell'energia. I ricercatori dell'azienda hanno anche registrato con sensori acustici che il ticchettio delle testine dei dischi e il fruscio delle ventole è sovrastato dal rumore di un singolo gamberetto che nuota vicino la capsula. Di seguito il link ufficiale del progetto per chi volesse approfondire e curiosare sull’argomento: http://natick.research.microsoft.com/

GOOGLE X LAB: CREA PELLE SINTETICA PER TESTARE IL BRACCIALE CHE RILEVA IL CANCRO

Molti di voi conoscono Google per i suoi infiniti servizi, che vanno dal più performante ed utilizzato motore di ricerca del web ai più moderni ed innovativi servizi in cloud, ma probabilmente non tutti sono a conoscenza del Google X Lab. Google X Lab è stata fino a poco fa una struttura segreta situata a Mountain View, nei pressi della sede principale di Google Inc. in un edificio a tre piani costruito con mattoni rossi. Nello specifico si tratta di un laboratorio di ricerca avanzata, dove ci lavorano circa 250 persone, tra cui scienziati, ricercatori, programmatori e ingegneri che portano avanti progetti di fantascienza destinati a cambiare il mondo. Tra i principali progetti di “X” troviamo i ben noti Google Glass, già presenti in commercio, le automobili con pilota automatico e le mongolfiere per la propagazione del wifi. Uno degli ultimi incantevoli progetti riguarda la prevenzione del cancro ed è venuto fuori in questi giorni grazie alla nota rivista americana The Atlantic. Il nuovo prodotto di “X” consiste in uno speciale bracciale capace di rilevare le cellule tumorali, il tutto grazie a delle nanoparticelle programmabili che il paziente ingerirà sotto forma di pillola, le quali riusciranno a trovare le cellule malate ancorandosi ad esse e provocando una reazione chimica capace di emettere una luce particolare rilevabile dal bracciale. Questa procedura consentirà quindi la rilevazione di cellule affette da cancro in maniera non invasiva. Per testare questo innovativo sistema gli scienziati stanno mettendo a punto una pelle sintetica quanto più simile a quella reale in modo tale da capire come quest’ultima filtra la luce emessa dalle nanoparticelle e che effetti ha sulla rilevazione da parte del bracciale. Di seguito mostriamo il video pubblicato da “The Atlantic”. [youtube]https://www.youtube.com/watch?v=7dzI_azZEGI[/youtube]