Blog

Riguardo l'autore

Roberto Bertolini

IT Consultant.
Studente e lavoratore sono una persona curiosa, dinamica e scherzosa. Sono da sempre un grande appassionato di informatica, tecnologia e motori. Nel tempo libero amo praticare sport, soprattutto di squadra. Mi piace viaggiare e trascorre del tempo in compagnia di amici.

L'autore ha scritto

Hi-Tech e Sport 4.0

Hi-Tech e Sport 4.0

L’evoluzione tecnologica ha portato numerosi cambiamenti in tutti i campi, dalla salute al marketing, fino ad arrivare alla pubblica amministrazione e al food delivery. Negli ultimi anni, le nuove tecnologie sono state utilizzate in modo massiccio nello sport, apportando miglioramenti sia alle performance di atleti professionisti che dilettanti. Tra le novità proposte sul mercato ci sono i dispositivi wearable, ovvero dei dispositivi elettronici che si indossano e che attraverso smartphone/tablet/pc sono capaci di monitorare i battiti cardiaci, gli sforzi compiuti, la velocità del movimento, la distanza degli spostamenti, inviando una notifica ad attività fisica terminata. A dare maggiore risalto a questo sviluppo tecnologico sono stati gli Smartwatch / Smartband e le Smart Shoes. Smartwatch / Smartband sono orologi con funzionalità oltre il semplice cronometraggio. Gli Smartwatch moderni possono essere considerati dei veri e propri computer indossabili capaci di eseguire applicazioni, di funzionare come lettori multimediali portatili e di monitorare, in modo costante, salute e prestazioni fisiche sotto sforzo. Solo in un secondo momento sono stati prodotti anche gli smartband o braccialetti intelligenti, simili agli orologi, anche se generalmente più semplici e meno versatili. Smart-Shoes sono, invece, particolari scarpe sportive dotate al loro interno di un chip che permette di monitorare passi e calorie bruciate e di tracciare il percorso effettuato, trasformandole in un vero e proprio activity tracker. Sono dotate inoltre di un sistema di allacciamento e aderenza al piede regolabile tramite app per poter consentire una perfetta performance sportiva, sopratutto durante la corsa. Come si ricaricano? Tramite wireless. L'evoluzione tecnologica porterà, probabilmente, alla nascita di microchip impiantati direttamente sottopelle. Per il momento il progetto è ancora al vaglio degli studiosi, non ci resta dunque che attendere le prossime evoluzioni.  

Mobilità sostenibile

Mobilità sostenibile

L'espressione mobilità sostenibile indica quella modalità di spostamento urbano in grado di diminuire gli impatti ambientali ed economici generati dai veicoli privati. Tra gli interventi più efficaci che le amministrazioni possono attuare per favorire la mobilità alternativa, si possono prendere in considerazione: -il potenziamento del trasporto pubblico locale; -l'adozione di specifici strumenti di pianificazione; -interventi innovativi che si stanno lentamente diffondendo quali. Tra questi ultimi rientrano: -Lo sviluppo della mobilità pedonale, con la redazione di pediplan, con interventi di eliminazione delle barriere architettoniche nei percorsi; -Lo sviluppo della mobilità ciclabile, redazione di biciplan, la costruzione di piste ciclabili e l'implementazione di servizi di biciclette pubbliche condivise (bike sharing); -La moderazione del traffico, limitazioni della circolazione veicolare, introduzione di servizi di car sharing, scooter sharing e trasporto a chiamata. Promozione del car pooling; utilizzo di sistemi di information technology (ITS) per la gestione dei flussi veicolari (es. instradamenti ai parcheggi, info dinamiche sulle strade, navigazione satellitare ecc.). A partire dal 2007 in molte Nazioni e Città si stanno velocemente sviluppando e adottando applicazioni di rapido e facile utilizzo per quanto riguarda i sopracitati campi, ad esempio: Car Pooling una dei servizi più famose è BlaBlaCar che permette la condivisione di viaggi a medio e lungo raggio tra utenti “sconosciuti” che vengono messi in contatto tra loro attraverso una app e basata sui feedback degli utenti. Questa tipologia di viaggio condiviso migliora la congestione del traffico e riduce gli impatti ambientali con un notevole risparmio economico e un miglioramento dei rapporti sociali tra le persone; Car Sharing una dei servizi più famosi è Enjoy che permette, dopo essersi registrati alla piattaforma online, di noleggiare auto, tramite una app, nelle principali città italiane. Oggi il servizio si è ampliato anche all’utilizzo di auto elettriche che permettono di ridurre ancora di più l’impatto ambientale dello spostamento della singola persona; Scooter sharing servizio da poco nato ma in rapida diffusione soprattutto per quanto riguarda gli scooter a impatto ambientale zero (gli scooter elettrici). È ancora in fase di sviluppo e di testing ma con ottimi risultati in città italiane quali Milano e Roma, oltre che in altre nazioni come la Spagna. Una della app più famose è Ecoulta che permette il noleggio di scooter di bassa cilindrata e ad impatto zero. Bike sharing prevede che siano installate delle stazioni in diversi punti della città dove collocare le biciclette. Il servizio richiede una registrazione per la consegna delle chiavi o della tessera. Alla fine dell'utilizzo la bicicletta può essere riportata in un'altra stazione o obbligatoriamente nella medesima stazione di partenza. Tutti questi servizi prevedono l'iscrizione ad un portale web, costi di noleggio irrisori con la possibilità di sottoscrivere abbonamenti. Tali interventi, con il tempo, possono favorire il miglioramento della mobilità delle persone soprattutto all’interno delle metropoli oltre a preservare l’ambiente.  

Bug dei microprocessori

Bug dei microprocessori

Meltdown e Spectre sono vulnerabilità hardware scoperte dai ricercatori di Project Zero di Google, rese pubbliche il 3 gennaio 2018 tramite rumors diffusi su social, web e programmi tv. Google spiega che malintenzionati possono sfruttare la "speculative execution". Questa consiste nell'esecuzione di frammenti di codice il cui risultato è utile solo quando l'esecuzione anticipata delle istruzioni utilizza meno spazio e meno tempo in fase di lettura della memoria di sistema. Tale procedura è utilizzata in maniera malevola per leggere dati sensibili nella memoria di sistema, come password, chiavi crittografiche o eventuali informazioni sensibili nei software “aperti”. Tali vulnerabilità interessano molte CPU e inoltre coinvolgono i dispositivi e i sistemi operativi da esse eseguiti. A seguito di alcuni aggiornamenti e di alcuni studi effettuati nell’ultimo periodo, le case produttrici stanno correndo ai ripari. Ad esempio, AMD afferma che i propri processori sono risultati vulnerabili a Spectre ma non a Meltdown. Le GPU Nvidia, invece, non sono colpite da Meltdown e Spectre ma comunque Nvidia ha aggiornato i propri driver per mitigare l'impatto dell'attacco Spectre. Apple ha confermato che le vulnerabilità interessano tutti i dispositivi presenti sul mercato che eseguono iOS e macOS ma sta rilasciando continui aggiornamenti per arginare il problema. Per verificare se il proprio sistema è colpito da tale bug si può seguire questa semplice guida: Aprire una finestra di PowerShell con i permessi di amministratore (tasto destro, Esegui come amministratore)  (clicca immagine per ingrandire) Digitare il comando "Install-Module SpeculationControl". Quando richiesto, confermare (digitando S e premendo Invio) l'utilizzo del provider NuGet e in un secondo momento dell'archivio non attendibile.  (clicca immagine per ingrandire) Digitare il comando "Get-ExecutionPolicy" per verificare se si hanno i permessi di esecuzione degli script esterni. Nel caso in cui non si abbiano i permessi, digitare "Set-ExecutionPolicy RemoteSigned"  (clicca immagine per ingrandire) Successivamente, si può avviare lo script vero e proprio, tramite i comandi "Import-Module SpeculationControl" e in seguito "Get-SpeculationControlSettings"  (clicca immagine per ingrandire) La voce "Windows OS support for branch target injection mitigation"  con valore True indica che si sono installate le patch Microsoft. Il valore False indica invece l'assenza dell'aggiornamento. "Hardware support for branch target injection mitigation" suggerisce l’installazione dell'aggiornamento del firmware (UEFI/BIOS) per proteggersi da Spectre. Per una protezione completa, quindi, basterà far riferimento al sito ufficiale del produttore del PC, dispositivo o scheda madre cercando un aggiornamento del BIOS che nel proprio "changelog" presenti un riferimento all'introduzione del "microcode Intel aggiornato a gennaio 2018". In alternativa è possibile affidarsi ad un’azienda informatica che sia in grado di garantire la protezione dell’integrità fisica (hardware) e logico-funzionale (software) dei sistemi coinvolti.

Visualizzo 1-3 di 3 elementi.