CBL apprendere per innovare

CBL apprendere per innovare

Nessun commento su CBL apprendere per innovare

 

 

Spesso ci troviamo a cercare idee geniali, pensando direttamente alla soluzione tecnica prima ancora di aver identificato il problema da risolvere. Esiste un approccio didattico multidisciplinare noto come CBL (Challenge-based learning), basato su un framework collaborativo e su momenti di brainstorming che, adottando  principi flessibili ma fondamentali, guida step by step, nell’identificazione del problema da gestire.

Si parte dall’identificazione delle “Grandi Idee”, si fanno “Domande” e si “Scoprono e Risolvono le Sfide”. Più precisamente:

La big idea: non è l’idea geniale che cerchiamo, bensì l’ambito in cui cercare quell’idea. Esempi di big idea possono essere la musica, lo sport, i viaggi o qualsiasi altra tematica di nostro interesse.

Le essential questions: sono domande che dobbiamo porci riguardo l’ambito scelto. Se ad esempio la nostra big idea è la ristorazione, un’essential question potrebbe essere “Come posso migliorare l’esperienza del cliente che frequenta pub, ristoranti o pizzerie?”. Sono quindi domande generiche che puntano ad aprire quanti più scenari possibili su cui indagare.

La challenge: è la sfida che ci poniamo per risolvere una problematica. In questa fase è molto importante non concentrarsi ancora sul come risolverla, ma esclusivamente su cosa risolvere. Ad esempio se consideriamo l’essential question precedente, una possibile challenge potrebbe essere “Ridurre i tempi di attesa dei clienti in fila per entrare in un luogo di ristorazione”.

Investigation: l’obiettivo è trovare quante più informazioni possibili sulla challenge che abbiamo scelto. È molto importante conoscere meglio i nostri ipotetici utenti proponendo sondaggi che ci aiuteranno nella scelta della soluzione e del target a cui sarà rivolto il nostro prodotto. In questa fase non rientrano ancora domande tecniche, riguardanti ad esempio la tecnologia con cui implementeremo la soluzione.

Soluzione e implementazione: se il processo è stato effettuato in modo corretto, si arriva in questa fase con più di una soluzione. E’ possibile quindi sceglierne una o fare un merge per poi procedere con la scelta delle tecnologie da usare per l’implementazione.

Dunque l’apprendimento basato sulla sfida si basa sul caposaldo delle idee innovative e aiuta ad acquisire le competenze necessarie per migliorarsi continuamente in un mondo in costante evoluzione.

 

Carlo D

About the author:

Carlo, 25 anni, laureto in ingegneria informatica. Appassionato di tecnologia, sviluppo app e videogiochi

Related Posts

Leave a comment

Back to Top