La sicurezza informatica in azienda

La sicurezza informatica in azienda

La sicurezza informatica è una delle questioni più dibattute degli ultimi tempi. Le aziende possono provare a ridurre al minimo i rischi dei loro sistemi informatici ma non è possibile avere un sistema privo di vulnerabilità. Il primo passo da fare è quello di redigere un documento di “Policy sulla sicurezza informatica” nel quale sono presenti le regole ed i comportamenti che gli utenti (dipendenti, collaboratori, consulenti, etc.) devono seguire per contrastare i rischi. Tale documento dovrebbe essere consegnato e fatto firmare ad ogni utente all’inizio del rapporto lavorativo. Il “Responsabile del Trattamento dei dati” è la figura aziendale che si occupa di redigere, far firmare e inviare via mail ogni anno tale documento. Le presenti linee guida riguardano generalmente i dispositivi (pc, tablets, smartphones, etc.), la rete aziendale, l’utilizzo del web e la posta elettronica, la gestione dei dati. Spesso molte azienda non riescono a ridurre i rischi informatici poiché non investono sull’infrastruttura e sulla formazione/informazione in tale ambito. Lo sviluppo di una coscienza aziendale orientata al corretto uso degli strumenti ed un'infrastruttura adeguatamente configurata sicuramente possono abbassare i rischi. Le aziende che vogliono ridurre il rischio informatico, investendo su soluzioni hardware/software, possono rivolgersi ad esperti del settore. Alla Dasir Tech, come azienda esperta del settore, spesso capita, di dover risolvere problematiche di violazione della sicurezza ed effettuare interventi di recupero dati per conto di clienti che non hanno la minima consapevolezza di tali problematiche. Prevenire, piuttosto che andare ad agire quando è troppo tardi, è sempre consigliabile. Richiedere un check dello status quo a degli esperti potrebbe essere un primo passo verso il miglioramento.

Pubblicato il 2 mar 2018

Potrebbero interessarti

SKYPE TRADUCE IN DIRETTA LE VOSTRE CHIAMATE

Sarà sufficiente scaricare l’app per Windows 8.1 o Windows 10 e Skype Translator farà il resto. La piattaforma Microsoft che permette di tradurre in tempo reale durante una chat la voce in quattro idiomi (italiano, mandarino, inglese e spagnolo) e il testo di 50 lingue, esce dalla fase di preview ed è a disposizione di tutti gli utenti. [youtube]https://www.youtube.com/watch?v=mWTySUGXR2k[/youtube] Skype Translator apprende in automatico i diversi modi di parlare delle persone. Una volta ascoltata la frase, un sistema che Microsoft chiama “rete neurale” la analizza e la confronta con milioni di campioni audio precedentemente registrati, trasformandola in una sequenza di possibili parole in formato testuale. A questo punto il sistema rimuove eventuali ripetizioni, intercalare e balbuzie, compiendo la scelta migliore possibile tra le parole che hanno un suono simile. Il risultato è un testo che viene tradotto, anche con il confronto tra i vari modi di dire nelle differenti lingue e viene riprodotto vocalmente nell’altro idioma. Per evitare errori, comunque, accanto al testo tradotto Skype lascerà anche l’originale scritto nella chat. Il riconoscimento della lingua, spiega Microsoft, viene effettuato dal sistema mentre la persona dall’altra parte dello schermo sta ancora parlando. E potrà continuare a farlo mentre la traduzione è ancora in corso: si potrà infatti ascoltare la traduzione a tutto volume e la voce dell’interlocutore a un volume più basso, in modo da seguire la traduzione e avere una conversazione più fluida. C’è anche un’opzione Mute per attivare e disattivare rapidamente l’audio della traduzione, nel caso in cui si preferisca leggere soltanto la trascrizione. Clicca qui per la guida alla configurazione.  

LAVORO E WEB: I NUOVI MESTIERI DIGITALI

L’espansione del web ha generato nuove professioni necessarie per le aziende che vogliono stare al passo con i tempi. Qui una lista delle più richieste : Programmatic Buying Manager. Il programmatic buying manager si occupa della pianificazione pubblicitaria “ad audience”: la strategia che permette di inquadrare e corteggiare un target ben definito di utenti. Il background richiede un buon equilibrio tra requisiti tecnici e commerciali: competenze professionali nella galassia digital e penetrazione diretta delle condizioni di mercato. E-commerce. Gli specialisti del commercio elettronico seguono i canali di vendita online delle aziende. Un driver decisivo, se si considera la scarsa familiarità tra Pmi e web (meno di un'impresa su tre è presente con un sito autonomo) e i margini di apertura sui mercati internazionali garantiti dal web. Web marketing Manager. Il web marketing manager gestisce le campagne di marketing digitale. Sua la responsabilità delle strategie sui nuovi media, come l'aumento di visibilità del marchio (online branding), la “fidelizzazione” dei clienti e la creazione di landing page promozionali. La figura non è nuova, ma mantiene buona domanda e buone soglie retributive. Web sales Account. Richiestissimo dalle concessionarie, il web sales account si occupa di commercializzare spazi e prodotti pubblicitari. Gli interlocutori privilegati per la sua attività sono centri media (centrali di acquisto pubblicitario) o advertiser (le aziende che pubblicizzano il proprio brand, prodotto o servizio). Chief technology Officer. Dustin Moskovitz, primo chief technology officer (Cto) di Facebook, rientra stabilimente nelle classifiche dei paperoni più giovani al mondo con un patrimonio di 8,1 miliardi di dollari. Senza spingersi troppo in là, il Cto è tra i manager più preziosi per lo sviluppo dell'azienda: definisce gli investimenti tecnologici, valuta lo stato di avanzamento, stima il progresso tecnico che si potrebbe ricavare da fusioni e alleanze con altre società. Non è un caso se il ruolo si sta facendo sempre più centrale nelle decisioni finanziarie e di marketing delle imprese, a tu per tu con il potenziamento “tech” dei vecchi sistemi produttivi. Le lauree più frequenti sono in ingegneria o informatica. Seo Manager. Richiesti a ritmo del +27% annuo, i Seo manager gestiscono il posizionamento del sito aziendale sui motori di ricerca. Le mansioni si racchiudono già nella sua formula iniziale, search engine optmization: ottimizzazione di contatti ed esposizione dei portali web. Si richiedono conoscenza professionale dell'informatica, meglio se con una laurea nel settore; predisposizione all'analisi dei dati; familiarità con i motori di ricerca che catturano il grosso dei clic in rete.

La neutralità della rete

 La neutralità della rete è un principio secondo cui gli Internet service provider (ISP) devono fornire un accesso ad internet equo senza nessuna discriminante su contenuto o applicazione. Secondo questo concetto una persona che, guardando uno show su Netflix, o su Youtube, o acquistando un prodotto su Amazon, dovrebbe caricare i contenuti richiesti alla stessa velocità. Ciò significa che gli ISP, non possono scegliere quali dati siano inviati più velocemente, o quali siti siano bloccati o accelerati. Ad esempio non possono rallentare il traffico di uno streaming perché proviene da una compagnia che compete con gli interessi del provider. Durante l’amministrazione Obama, il 26 febbraio 2015 la FCC (Federal Communications Commission, l'agenzia americana delle comunicazioni) ha stabilito che la rete Internet è, e resta, “neutrale”. Il presidente della FCC Tom Wheeler ha affermato che "questa decisione più che regolamentare la rete è un piano per disciplinare la libertà di parola". Gli ISP non possono discriminare il traffico dei contenuti online con "doppie velocità", filtri, corsie veloci o rallentamenti arbitrari. La “neutralità” è una delle caratteristiche fondamentali di Internet, che nel bene e nel male ha garantito la sua libertà per tutti questi anni. Il 14 dicembre 2017, la FCC presieduta da Ajit Pai designato da Trump ha votato per l’abolizione del regolamento introdotto nel 2015 dando il via di fatto alla possibilità di un internet a due velocità a partire dal 23 aprile 2018 data dell’entrata vigore dell’abolizione. La decisione offre un margine significativo agli ISP: un giorno potrebbero decidere di bloccare determinate app e siti Web, rallentare i contenuti forniti dai concorrenti, seppellire risultati di ricerca pertinenti ma non pagati, ecc. L'Unione Europea nel 2016 ha approvato una direttiva che stabilisce il quadro di base per garantire la neutralità della rete in tutta l'Unione europea. Ma a livello globale, gli utenti di Internet sperimenteranno gli effetti indiretti della decisione statunitense, dal momento che il suo impatto sul mercato competitivo all'interno dei confini americani si propagherà in tutto il mondo.